10 Piccole Differenze

Torre Rinalda sulla costa della PugliaTra la foto di sinistra e quella di destra, entrambe scattate a Torre Rinalda, sulla costa pugliese, intercorrono 10 anni. L’occhio più attento può scorgervi dieci piccole differenze. Nella più recente:

  1. compaiono segni di una pioggerellina estiva
  2. i capelli del mio ammmore sono raccolti
  3. la maglietta rossa è diventata una canottiera grigia
  4. la gonna a fiorellini è diventata una minigonna di jeans
  5. la porta è cambiata
  6. invece del numero 22 compare il numero 3
  7. il muro è stato imbiancato
  8. è scomparso il tubo
  9. s’intravede la tracolla di una borsa
  10. … ma non riesco a trovare la decima… E voi?
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Adverbs of Frequency

Luci rosse nella notte di Bellusco: sono i maledetti semafori!Nella lezione d’inglese di qualche tempo fa dovevamo mettere in ordine crescente gli avverbi di frequenza. Non vi stupirà scoprire cosa denota una frequenza superiore a “always”.

  • never
  • hardly ever
  • seldom
  • occasionally
  • sometimes
  • often
  • normally
  • usually
  • always
  • like the red light on the #semaforidiBellusco.
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Una serata intensa

Una serata intensa tra panini, birra e teatro a MilanoStamattina in tangenziale, in coda per 3 chilometri a causa di un incidente, ho letto una mail ricevuta ieri sera. Conteneva un invito piuttosto interessante. Il fatto è, però, che anche senza averla letta ho comunque avuto una serata intensa, tra paninetti deliziosi (in particolare quello chiamato Les anglais sont arrivés), birra rossa artigianale e Misura per misura da (più che di) Shakespeare al Teatro Libero. Sarà per la prossima volta…

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Quadrato rosso con passerina gialla

Quadrato rosso alla Malevic con un bicchiere di Passerina giallaFoodporn, arte a tavola, deformazione professionale… Chiamatelo come volete. Sono tra quelli a cui piace fotografare quello che ha nel piatto, da prima che diventasse di moda. Ho fotografie vecchie di decenni che possono testimoniarlo. Certo, oggi è molto più semplice ed economico. Ma lo spirito con cui lo faccio rimane quello. Un po’ di sana ironia trasforma un tovagliolo rosso e un bicchiere di Passerina in un pranzo suprematista.
Potete leggere su ALIBI Online la recensione della mostra di Malevic alla GAMeC di Bergamo.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

La selva di Birnam

Un'alba dorata trasforma Vimercate nella selva di BirnamPotete leggere su ALIBI la recensione del film Macbeth, da pochi giorni nelle sale. La spettacolare fotografia è la parte più riuscita e genera suggestioni anche a giorni di distanza. Tanto che oggi la brughiera di Vimercate mi è apparsa infuocata e magica come la selva di Birnam.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Non ci si annoia mai sulla Est

Segnalazione di un animale sulla Tangenziale Est di MilanoOgni giorno ce n’è una. Ho visto…

  • auto in fiamme al largo della barriera di Agrate.
  • cantieri mobili.
  • cani e porci alla guida.
  • code chilometriche.
  • tamponamenti.
  • rifiuti di ogni tipo ai margini della strada.

Mi mancava l’animale. E ancora mi manca, dato che ho visto la segnalazione ma non la bestia. Chi mi leva la curiosità?!

Davvero non ci si annoia mai sulla Est…

Pubblicato in tangenziale | Lascia un commento

Un Natale di libri

libri di Natale 2015Ancora poche ore e delle festività natalizie non rimarrà che il ricordo. E una pila di libri. Un paio, in realtà, li ho già letti prima di Natale e altri li sto leggendo, ma in formato digitale. I restanti conto di leggerli nelle prossime settimane. Tra i buoni propositi per il 2016 (anzi: tra gli obiettivi) ho inserito infatti “leggere 50 libri”. Auguri!

Pubblicato in libros | Lascia un commento

Mosaico di inizio anno

mosaico-lodAvrei voglia di andare a Venezia per vedere alla Fondazione Cini lo splendido mosaico di Lod (ho appena pubblicato su ALIBI l’articolo intitolato appunto Il Mosaico di Lod è in mostra alla Fondazione Cini di Venezia).

A dire il vero avrei anche voglia di andare in Israele. Anche per vedere la mostra sull’imperatore Adriano, di cui il Gibbon dice, nelle pagine iniziali della Storia della decadenza e caduta dell’impero romano che ho letto oggi:

Incurante della differenza delle stagioni e dei climi, andava a piedi e a testa nuda sulle nevi della Caledonia e sulle calde pianure dell’Egitto Superiore; e non vi fu provincia dell’impero che nel corso del suo regno non fosse onorata della presenza del monarca.

Foto di Assaf Peretz, per gentile concessione della Israel Antiquities Authority.

Pubblicato in Historia | Lascia un commento

Decline and Fall

I sei volumi dell'opera Decline and Fall of the Roman Empire di Edward GibbonSi apre oggi un nuovo anno e con il suo arrivo inauguro una nuova avventura: la lettura a tappe della monumentale (in tutti i sensi) Storia della decadenza e caduta dell’impero romano di Edward Gibbon. Duemilaottocentoquarantasette pagine nell’edizione italiana con traduzione di Giuseppe Frizzi per Einaudi, ripresa poi da Mondadori. L’idea è di leggerne alternativamente 7 e 8 pagine al giorno fino al prossimo 31 dicembre. Quelle odierne sono dedicate alle prefazioni e alle avvertenze dell’autore, che a un certo punto scrive:

Ho pieno diritto ad un anno di vacanza.

Ma lo diceva dopo aver completato i sei volumi dell’opera. Io sono appena all’inizio…
PS: l’immagine è presa dal canale Twitter di Inspirationfeed.com

Pubblicato in Historia | Lascia un commento

Ma che inglese d’Egitto!

statua colossale di Akhenaton conservata al Museo del Louvre di ParigiSu consiglio dell’insegnante d’inglese da oggi m’impegno a trovare cinque parole da imparare a memoria (by heart). Le ho individuate in un articolo del Guardian che parla di potenziali nuove scoperte in Egitto, che sarebbero clamorose. Forse dietro (?) la tomba di Tutankhamon si nasconde quella di Nefertiti e chissà che la Grande Piramide di Giza non celi altre stanze rimaste finora inesplorate. “Mah” è il commento del giornalista. Che non sia tutta una montatura a fini pubblicitari (hype) per risollevare le sorti del turismo nel Paese dei Faraoni? Io intanto ripenso alla statua colossale di Akhenaton ammirata lunedì al Louvre. E la mente corre a Londra, dove a marzo verrà rappresentata l’opera Akhnaten di Philipp Glass, per la quale ho già chiesto un accredito (a Milano l’ho ascoltata in forma di concerto e recensita su ALIBI). Dunque devo studiare inglese. Of course.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , | Lascia un commento