Dove sono?

Marc Chagall, David e Betsabea, dalla copertina del libro di Martin Buber "Il cammino dell'uomo"Tra le tante cose, sto leggendo (centellinando, visto il numero esiguo di pagine) Il cammino dell’uomo di Martin Buber (Edizioni Qiqajon Comunità di Bose). Mi ha colpito soprattutto la lezione del rabbi Shneur Zalman al comandante delle guardie: quando Dio domanda ad Adamo “Dove sei?” (Gen. 3,9) sta parlando a noi. A ciascuno di noi. Beh, dove sono io, non ancora a 46 anni come il capo delle guardie, ma come lui sperso in questa vita? Bella domanda. Cerco di trovare un senso, la mia via, soddisfazioni. Con scarsi risultati. Bloccato nel traffico del rientro mi stupisco nel constatare la tranquillità con cui l’affronto, io che mi innervosisco per un nonnulla e odio fare la coda. E mi spavento. Perché comprendo che non è la vittoria della volontà, ma il segnale di una resa a cui non vorrei mai arrivare.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Coast to Coast – Bridge to Bridge

ponte-tiberio-ponte-diavoloSono trascorse tre settimane dall’inizio delle vacanze estive. E tre giorni dalla loro fine. Nel frattempo abbiamo percorso 3.400 km, speso alcuni stipendi, attraversato l’Italia da costa a costa, dal Ponte di Tiberio a Rimini al Ponte del Diavolo in Garfagnana.

Ma non solo. Abbiamo:

  • fatto jogging sul lungomare di Trani e su Via dei Fori Imperiali a Roma
  • dormito in un trullo, a un passo dalla Fontana di Trevi e all’ombra della cupola del Brunelleschi
  • gustato le rosette di Barba Baffi e Pellicce
  • fatto un bel po’ di coda ai #semaforirossi di Fasano
  • visto il Colosso di Barletta e il busto di Annibale
  • visitato i Musei Vaticani e la Galleria degli Uffizi
  • ammirato affreschi spettacolari in Santa Maria di Cerrate e Santa Maria Antiqua
  • assistito al “Macbeth” al Cimitero Militare Germanico al Passo della Futa

E tanto altro.

Pubblicato in viajes | Lascia un commento

Il circolo dei lettori

L'inizio del capitolo 4 del libro "Augusto figlio di Dio" di Luciano CanforaC’è stato un tempo in cui, prima di entrare al lavoro (in magazzeno), leggevo qualche pagina di Giuseppe e i suoi fratelli di Thomas Mann. Bei tempi, se non altro per il libro (i libri, in realtà) che avevo tra le mani. Adesso, seduto in auto sotto un alberello, leggo Augusto figlio di Dio di Luciano Canfora. Dunque io leggo Canfora che legge Appiano che legge Seneca che legge Asinio. E mi sento parte di un circolo di lettori. Fino alle 8:14.

Pubblicato in libros | Lascia un commento

Non innervosirti al lavoro

contenitore in vetro con una porzione di lasagne fatte in casaPrima di uscire di casa, stamattina, sono passato a salutare il figliolo. Mi sono raccomandato: “Comportati bene all’oratorio!”. E lui mi ha risposto: “Non innervosirti al lavoro!”. Sarà dura. Per me, ovviamente.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Yes, iMac. Again

iMacPer festeggiare i primi 10 anni di ALIBI Online la mia editora ha pensato bene di regalarmi uno strumento di tortura. No: niente palline cinesi, né fruste. Un nuovo iMac, a otto anni dal primo. Per un nuovo inizio. Passerò i prossimi mesi a trasferirci tutti i file degni di essere conservati e le migliaia di foto e a installare quei pochi programmi che davvero uso, più o meno regolarmente. Con la speranza di non intasare il terabyte a disposizione con roba inutile. Meno è meglio è la regola aurea a cui m’ispiro ora.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Dal Manzanarre al Naviglio

Crociera in motoscafo sul Naviglio Grande di MilanoEi fu. Noi altri, happy few, abbiamo fatto una mini-crociera in motoscafo sul Naviglio Grande di Milano, con tanto di aperitivo e fritto di pesce. Meno male che era giovedì!

Pubblicato in Napoleon, viajes | Lascia un commento

Sognando Itaca

Itaca di Kavafis nell'edizione di Nordica LibrosSto cercando di ordinare un po’ di cose, non solo nella mente. Per esempio ho ripreso l’aggiornamento di Tazzine d’Italia, fermo da molto tempo. Sto anche recuperando le puntate del Gibbon (mentre la lettura quotidiana, fino ad ora, non ha avuto interruzioni) e cerco di pubblicare con costanza su ALIBI Online. Certo, ci sono giorni più proficui e altri in cui la stanchezza si fa pesare. E magari sogno Itaca. Di carta, di parole o di terra, poco importa, in fondo.

Ten siempre a Itaca en la mente
Llegar allí es tu destino.
Pero sin prisa alguna en el viaje.

(Trad. di Vicente Fernández González)

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Era di maggio

diario-maggio-1994Nonostante tutto, è sempre un buon giorno per ricominciare un diario. Dunque riprendiamo con Belpais. Era di maggio, tanto tempo fa. E siamo ancora a maggio.
Ciao, Ayrton.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

10 Piccole Differenze

Torre Rinalda sulla costa della PugliaTra la foto di sinistra e quella di destra, entrambe scattate a Torre Rinalda, sulla costa pugliese, intercorrono 10 anni. L’occhio più attento può scorgervi dieci piccole differenze. Nella più recente:

  1. compaiono segni di una pioggerellina estiva
  2. i capelli del mio ammmore sono raccolti
  3. la maglietta rossa è diventata una canottiera grigia
  4. la gonna a fiorellini è diventata una minigonna di jeans
  5. la porta è cambiata
  6. invece del numero 22 compare il numero 3
  7. il muro è stato imbiancato
  8. è scomparso il tubo
  9. s’intravede la tracolla di una borsa
  10. … ma non riesco a trovare la decima… E voi?
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Adverbs of Frequency

Luci rosse nella notte di Bellusco: sono i maledetti semafori!Nella lezione d’inglese di qualche tempo fa dovevamo mettere in ordine crescente gli avverbi di frequenza. Non vi stupirà scoprire cosa denota una frequenza superiore a “always”.

  • never
  • hardly ever
  • seldom
  • occasionally
  • sometimes
  • often
  • normally
  • usually
  • always
  • like the red light on the #semaforidiBellusco.
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento