A cuor scontento

A cuor contento: il CD di Giovanni Lindo Ferretti
Sono andato a Canossa, letteralmente. E poi sono salito a Cerreto Alpi. È stato un sabato memorabile, seguito da una domenica piuttosto intensa (e piacevole). Lo scontro con la realtà, lunedì, è stato durissimo. Perché non riesco ad avvicinare – non dico a sovrapporle, sarei troppo ingenuo – le due parti della mia vita?
Intanto leggo Il Negus di Kapuscinki, archivio in digitale pagine del Sole 24 Ore, metto ordine in garage e aspetto che suoni il telefono. A cuor scontento.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *