Archivi categoria: Amarcord

Le albicocche di Proust

Addentando un’albicocca a merenda mi ha colpito come un fulmine un ricordo sepolto negli strati più bassi della memoria. Mi sono ritrovato bambino, in colonia estiva o negli interminabili pomeriggi a casa o all’oratorio, quando giocavo con i noccioli delle … Continua a leggere

Pubblicato in Amarcord | Lascia un commento

Io, Cristoforo Colombo e i bambini tedeschi

Qualche notte fa, insonne, mi sono messo a leggere alcune pagine de La conquista dell’America di Tzvetan Todorov. Mi ha colpito questo passo: “Colombo disconosce dunque la diversità dei linguaggi, per cui, dinanzi a una lingua straniera, non gli restano … Continua a leggere

Pubblicato in Amarcord | Lascia un commento

Avevo undici anni

Nel 1982 avevo undici anni. Ai mondiali di Spagna tifavo “ovviamente” Italia. Sono trascorsi trent’anni da allora e quell’ovviamente per me ha perso via via sempre più valore. Tanto che oggi non capisco più quelli che mi dicono che si … Continua a leggere

Pubblicato in Amarcord | 8 commenti

Glorideis

Per assistere a un incontro “lezione” di Fabio Isman sul mercato nero dell’arte antica in Italia, dopo vent’anni o anche più, questa mattina sono entrato allo Zucchi. Mi veniva da piangere, tanto intensa era l’emozione. Ho visto ragazzi e ragazze … Continua a leggere

Pubblicato in Amarcord | Contrassegnato , , | Lascia un commento